Il 24 maggio, come era stato indicato dall’OM n.36 del’ 1.3 2023 all’art.2 i docenti hanno potuto finalmente conoscere la nuova sede di titolarità relativa al prossimo anno scolastico 23/24, l’esito è stato notificato a ciascun docente, ivi compresi quelli che non hanno ottenuto il sospirato trasferimento o passaggio.

1) La procedura di conciliazione (Modello-Tentativo-di-conciliazione).

Con la pubblicazione dei bollettini relativi alla mobilità 23/24, entro 10 giorni a far data dal 24 maggio, i docenti, in relazione ad atti che essi ritengono lesivi dei propri diritti, possono esperire le procedure previste dagli articoli 135, 136,137,138 del CCNL 29.11.2007, tenuto conto delle modifiche in materia di conciliazione e arbitrato apportate al codice di procedura civile dall’art.31 della legge 183 del 4.11.2010 ( comma 2 art.17 CCNI ).

In caso di trasferimenti e passaggi nella provincia di titolarità o in province della medesima regione, la procedura di conciliazione va presentata all’U.S.R. della provincia in cui si è titolari nel momento è stata presentata la domanda di mobilità.

In caso di presentazione di procedure di conciliazione relative a trasferimenti e passaggi verso province di diversa regione, la domanda di conciliazione che si invia all’USR della provincia in cui si è titolare al momento della presentazione della domanda di trasferimento e/o passaggio, sarà poi tale USR ad acquisire la valutazione dell’USR competente per la provincia richiesta nel trasferimento o nel passaggio. In questo caso suggeriamo di inviare la procedura di conciliazione per conoscenza all’USR competente per la provincia richiesta in altra regione.

Il docente, nell’ambito del tentativo di conciliazione, può presentarsi personalmente o farsi rappresentare da altro soggetto ( ad esempio un rappresentante del suo sindacato o un avvocato di fiducia).

Per impostare correttamente una procedura di conciliazione consigliamo quanto segue.

1) Esaminare analiticamente in ogni loro parte i bollettini sulla mobilità 23/24 pubblicati in data 24.5.2023.

2) Esaminare i tabulati relativi agli organici di diritto delle scuole datati entro il 27.4.2023

3) Esaminare l’elenco dei pensionamenti trasmessi a sistema entro il 27.4.2023.

Esaminare altresì i seguenti articoli e parti del CCNI 22/25

1) Art 2 per i vincoli così come modificato e integrato in maniera unilaterale dal MIM con OM n.36 art.1 dell’1.3.2023.

2) Art.6 per il procedimento dei trasferimenti e dei passaggi.

3) Art. 8 per le sedi disponibili per le operazioni di mobilità

4) Art.11 per le coe

5) Art.13 per il sistema delle precedenze

6) Art 20 per il trattamento dei perdenti posto infanzia e primaria e i trasferimenti a domanda condizionata e d’ufficio.

7) Art.22 per il trattamento dei perdenti posto scuola secondaria di primo e secondo grado e i trasferimenti a domanda condizionata e d’ufficio.

8) Art.22, 23, 24 e 25 per il sostegno.

9) Allegato 1 per l’ordine delle operazioni, fondamentale per impostare la procedura di conciliazione.

Allegato 2, premesse e note per i punteggi.

B) Accesso agli atti relativi alle procedure di mobilità.

Ai sensi del comma 3 dell’art.17 del CCNI è possibile l’accesso agli atti relativi alla procedura di mobilità.

L’accesso agli atti, nel rispetto della disciplina prevista dalla protezione dei dati personali, è di competenza dell’ AT presso il quale è stata presentata la domanda dal 6 marzo al
21 .3.2023 e cioè quella della provincia di titolarità o di immissione in ruolo.

 

Autore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.