Prove Invalsi

Prove Invalsi. La riproposizione annuale che non lascia tracce del suo passaggio. La frattura con la scuola reale.

Prove Invalsi, “straniere” e inutili  per la scuola

Prove Invalsi. Anche quest’anno si ripete il rito. Per chi lavora ogni giorno a scuola, è difficile coglierne la sua utilità. Alex Corlazzoli, maestro e giornalista (si noti la prima qualifica) è stato molto duro. Il giudizio risulta autorevole, in quanto espresso da una persona esperta d’aula. Quindi condivisibili gli atti d’accusa, verso una prassi percepita come estranea alla scuola.
Innanzitutto si coglie spesso la discontinuità,  la frattura con il lavoro didattico quotidiano. Le prove Invalsi, infatti non prevedono alcuna personalizzazione. Sono pensate, elaborate con standard spesso molto alti, rispetto alla complessità espressa dai ragazzi. Il riferimento di queste prove è un ideatipo di alunno, quasi mai rispondente alla realtà. La conferma proviene dalla prova d’italiano svolta questa mattina. Gli esperti Invalsi, immaginano complessi processi di comprensione e di deduzione ( ad esempio il “paratrac”) che richiedono un codice linguistico elaborato (B. Berstein) costituito da un vocabolario ricco (sinonimi e contrari congiunzioni, avverbi, pronomi…) una grammatica e una sintassi complete.
Come scritto da Alex Corlazzoli, i genitori che generalmente “non ne  sono a conoscenza e poco coinvolti nei risultati” li percepiscono  come un corpo avulso, un momento di sospensione del lavoro didattico, sperimentando il suo essere altro, diverso rispetto alla quotidianità dalla quale, invece ricvono dati valutativi certi e in progress. Da qui la percezioone della loro insignificanza.
L’estraneita, infine è confermata dal fatto che non servono a rinuovere le criticità storiche del sistema scolastico, confermando l’impressione di una ritualità formale, ma scarsamente efficace.
Tutti questi elementi giustificavano  l’intento elettorale di FdI ad abolirle. Purtroppo sono passati sette mesi mesi dal 25 settembre (elezioni politiche) e tutto è rimasto come prima. Difficile comprendere il motivo di questa inazione, lasciando il sospetto che servano solo a mantenere in piedi l’Invalsi.

Autore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.