“La regionalizzazione è un’idea di destra che evidentemente non piace solo alla lega. Non saremo spettatori e quindi inevitabilmente complici”. A dichiararlo è Giuseppe D’Aprile, Segretario generale della Uil Scuola Rua, durante il convegno “Autonomia Differenziata e diseguaglianze ignorate” svoltosi questa mattina a Campobasso. Presenti, tra gli altri, il Segretario regionale Uil Scuola Rua Molise Nicolino Fratangelo, la segretaria regionale Uil Molise Tecla Boccardo, il Segretario confederale UIL Domenico Proietti e Francesco Raffaello De Martino, costituzionalista e docente presso l’Università degli Studi del Molise.


“Non tutte le forze politiche italiane si sono opposte in modo risoluto o quantomeno espressi chiaramente in maniera negativa – sottolinea D’Aprile -. Che questa idea piaccia alla Lega non è una sorpresa, ma ci stupisce la timida opposizione degli altri partiti. Noi, come Federazione Uil Scuola Rua, continueremo a opporci a scelte che dividono il paese e che frammenterebbero il sistema scolastico nazionale.


L’autonomia avrebbe gravi conseguenze anche in Molise – sottolinea il Segretario regionale Fratangelo – Mancanza di strutture, calo demografico, esodo dei giovani. Qui sono presenti molte carenze didattiche da cui si può uscire solo se è lo stato a gestirle. Durante il convegno è stato organizzato un punto di raccolta firme contro la regionalizzazione dell’istruzione: “Quella di oggi rappresenta una delle tante iniziative che abbiamo messo in campo per sensibilizzare il mondo della scuola e l’opinione pubblica e per valutare insieme forme di protesta eventuali e legittime forme di protesta”, conclude D’Aprile.

Autore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.