Sì, gli insegnanti hanno un ruolo delicatissimo; e sì, come in tutte le professioni ci sono persone inadeguate, che sbagliano ripetutamente e che forse dovrebbero fare un altro mestiere (prima di tutto, andrebbe precisato, quelli che credono che l’insegnamento, il lavoro sulle conoscenze e la relazione educativa siano un fatto burocratico). Ma chi fa questo lavoro, nella maggior parte dei casi, ci crede e lo fa bene, in silenzio, con passione, sollecitudine e affetto. Il problema è proprio questo: in una società dove nel migliore dei casi dominano l’indifferenza o il fastidio nei confronti dei giovanissimi, sempre più invisibili, e nel peggiore il progetto di farne dei consumatori inconsapevoli e carne da macello per un “mercato” del lavoro che non c’è, gli insegnanti sono gli unici che, come categoria, stanno davvero dalla parte dei bambini e degli adolescenti, li conoscono a fondo, ci vivono insieme tutti i giorni e tutti i giorni cercano di fare il loro bene, attraverso l’istruzione, l’insegnamento, l’esempio e una relazione intergenerazionale di cui le persone in crescita hanno un disperato bisogno; gli unici che stanno davvero dalla parte delle nuove generazioni non a parole (come qualche untuoso demagogo) ma con l’impegno concreto e quotidiano, tra mille difficoltà non di rado create ad arte da chi dovrebbe sostenere il loro lavoro.

E questo no, non va più bene, nel momento in cui c’è una fortissima spinta dall’alto allo smantellamento e alla privatizzazione di un’istruzione pubblica verso cui si stanno scatenando i peggiori appetiti. E siccome gli insegnanti sono gli unici che ancora si oppongono a questo progetto, avendone compreso dal di dentro scopi e natura, è cominciata l’opera di character assassination ai danni dell’intera categoria: tanto qualche improbabile personaggio che, in malafede o inseguendo i suoi fantasmi, prende a pretesto singoli casi per “dimostrare” che gli insegnanti, ad esempio, assegnano compiti o mettono voti per sadismo, non PER gli studenti ma CONTRO gli studenti, si trova sempre.

Gruppo La nostra scuola

Associazione Agorà 33

Autore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.