afam

Il giorno 10/02/2023 il Coordinamento Modifichiamo il concorso straordinario bis ha aderito alla manifestazione indetta da USB scuola, alle ore 10.00 davanti al MIM si è svolta una manifestazione molto sentita e soprattutto molto partecipata. I docenti facenti parte del Coordinamento insieme ai rappresentanti USB, ai colleghi dell’organico Covid, agli immobilizzati, ai vincolati e ai docenti idonei del concorso ordinario 2020 hanno ribadito davanti al ministero che è giunta l’ora di dire basta alla PRECARIETÀ! Alcuni rappresentanti dei numerosi comitati, grazie alla pressione esercitata nei giorni precedenti e tramite numerose interlocuzioni, sono stati ricevuti dal vice capo di Gabinetto e dal Responsabile delle risorse umane. Durante la discussione è emersa la volontà da parte del ministero di istituire un tavolo tecnico che affronti i problemi riguardanti la situazione del precariato e in particolare i punti affrontati hanno riguardato la necessità di un forte ampliamento dell’ organico aggiuntivo, del ripristino dell’organico Covid si del personale docente e ATA, lo scorrimento delle graduatorie fino ad esaurimento e relativa abilitazione del concorso straordinario bis, lo scorrimento fino ad esaurimento delle graduatorie del concorso ordinario. I rappresentanti dei vari coordinamenti insieme ad USB nei prossimi giorni formuleranno un documento condiviso da presentare al MIM per avviare il tavolo di confronto. Nei giorni che precederanno il nuovo incontro con la componente amministrativa, ci saranno nuove iniziative atte a sensibilizzare l’opinione pubblica riguardo ai gravi problemi che attanagliano la scuola ormai da anni. USB e i coordinamenti dei precari intendono proseguire la lotta affinché le promesse fatte in campagna elettorale non siano solo PROMESSE DA PINOCCHIO ma si tramutino in atti concreti.

Coordinamento Modifichiamo il concorso straordinario bis

Autore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.