SBC: tra qualche anno non si troveranno insegnanti se non li assumiamo subito

SBC: tra qualche anno non si troveranno insegnanti se non li assumiamo subito

Dicembre 16, 2022 0 Di Libero Tassella

Il precariato scolastico docente ma anche ATA da almeno 10 anni è negli studi degli avvocati e nelle aule della giustizia amministrativa e non più nelle aule parlamentari, nelle commissioni cultura di Camera e Senato , a Viale Trastevere o a Palazzo Chigi.

Il precariato è diventato un mercato delle vacche per gli uffici legali e per i ricorsifici, ci sono quelli che propongono ricorsi su tutto, anzi aspettano un provvedimento di legge, un emendamento, perché ormai si legifera sul precariato per emendamenti, per pubblicizzare una volta che il DL è in GU, ancor prima della legge di conversione, il loro vasto catalogo di ricorsi, a volte su un singolo provvedimento propongono anche più di dieci diversi tipi di ricorsi.

La soluzione del precariato è esclusivamente POLITICA e questo non è dire una banalità in quanto tra qualche anno noi avremo bisogno di insegnanti e non solo di insegnanti STEM, il meccanismo domanda e offerta presto si invertira’ di segno e sarà difficile trovare giovani laureati disposti a insegnare anche perché il Sud non sarà più il bacino di insegnanti per il Nord est e il Nord ovest e per il Centro del Paese.

C’è bisogno di una fase transitoria ben più ampia e articolata di quella prevista dal PNRR da parte del governo Draghi per assumere i trentacinquenni e i quarantenni e per garantirci insegnanti stabili nelle classi nei prossimi 25 anni, si tenga conto che tra 5 anni andranno un pensione 250.000 insegnanti e tra 10 anni 500.000, mentre le cattedre si troveranno per il turn over anche al Sud, dove la popolazione degli insegnanti è più vicina alla pensione.

Inoltre i giovani non saranno più disposti a lavorare al Nord come lavoratori poveri.

La differenza tra un Politico e uno Statista è che il politico ha l’orizzonte che non va al di là del proprio naso e dell’interesse contingente della sua parte politica con un occhio sempre rivolto ai sondaggi.

Lo Statista invece ha lo sguardo lungo, proiettato almeno su un decennio. Per il precariato ci vorrebbe una visione da Statista? L’ha Valditara? Giorgetti? Meloni? A leggere la legge di bilancio 2023 non si direbbe.

I Ministri pro tempore al servizio del Mef e di Confindustria e di Bruxelles non sono stati politici accorti, qualcuno è stato addirittura un non ministro o un ingenuo esibizionista men che mai sono stati degli Statisti, hanno sul precariato fatto propaganda ( vedi recente campagna elettorale dei partiti nel luglio /agosto/ settembre) scorso) ma la realtà è che tra settembre e ottobre gli ambiti territoriali provinciali hanno stipulato 200.000 contratti a tempo determinato per l’a.s. 22/23.