Il servizio di leva obbligatorio e il servizio civile ad esso equiparato, prestati in costanza di rapporto di impiego, sono considerati servizio effettivo reso nella medesima qualifica, quindi utili e valutabili per l’accesso ai ruoli e per la carriera: lo ha confermato il tribunale di Trapani, nel valutare il ricorso di un lavoratore precario della scuola inserito nelle graduatorie del personale Ata. Nella sentenza, emessa pochi giorni fa a seguito della “combinazione delle diverse norme”, il giudice ha verificato che da parte dell’amministrazione vi è stata una interpretazione “fuorviante dell’art. 2050 del D.lgs. 66/2010” e pertanto concluso che “il periodo di servizio militare di leva o per richiamo e il servizio civile sostitutivo di quello di leva è valido a tutti gli effetti” e dunque “va riconosciuto integralmente col relativo punteggio, anziché con quello inerente al servizio espletato presso altra amministrazione”. Ne consegue che il ministero dell’Istruzione è stato condannato “a riconoscere al ricorrente 16,90 punti (anziché 11,50 punti) per il profilo di Assistente amministrativo e 13,60 punti (anziché 8,20 punti) per i profili di Assistente tecnico e di Collaboratore scolastico come punteggio”.

Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief, ricorda che “sulla valutazione del servizio militare o equiparato, se successivo al conseguimento del titolo di studio, i tribunali del lavoro non possono eludere quanto detto dal il Consiglio di Stato, per il quale si tratta di un servizio svolto comunque per lo Stato: quindi, non può essere considerato nelle graduatorie aspecifico. I lavoratori amministrativi, tecnici e i collaboratori scolastici possono quindi ottenere la piena valutazione servizio militare prestato non in costanza di nomina chiedendo informazioni più dettagliate alla sede Anief loro più vicina”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *