afam

Dopo l’esperienza di Bianchi, chiediamo che la Repubblica si dia finalmente un ministro all’altezza di un compito delicatissimo, che riguarda direttamente il futuro delle nuove generazioni. Il ministro dell’Istruzione di un Paese civile deve essere una persona dallo spessore e dal prestigio culturale ampiamente riconosciuti; deve conoscere la scuola e i suoi reali bisogni; deve impegnarsi “con disciplina e onore” per affermare i principi costituzionali della centralità della scuola pubblica (art.33); della promozione del pieno sviluppo della persona umana (art.3); della possibilità per tutti di raggiungere i gradi più alti degli studiindipendentemente dalla condizione sociale di partenza (art.34); della libertà dell’insegnamento delle arti e delle scienze (art.33), senza la quale la ricchezza culturale ed educativa della scuola viene inevitabilmente soffocata dal conformismo burocratico e da interessi privati che non hanno nulla a che fare con gli scopi di un’istruzione ampia e pluralistica e della crescita integrale delle nuove generazioni. 

Chiediamo al Capo dello Stato di esercitare tutta la sua autorevolezza, e ai partiti politici di dare un segnale di serietà e responsabilità, affinché il ministro dell’Istruzione sia finalmente nominato in base a questi principi, e non secondo le solite logiche spartitorie. Non può diventare ministro chi si propone di fare – o ha già fatto, nell’ambito della sua attività – l’opposto di quello che la nostra Costituzione prevede per la Scuola.

Questo è il link per la firma:

https://chng.it/4sMzCjWxhd

Gruppo La nostra scuola – Associazione Agorà 33

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *