SCUOLA – Svolge supplenze per 707 giorni, lo Stato non gli paga la retribuzione individuale accessoria: il Tribunale di Firenze restituisce alla docente 3.867 euro più interessi

SCUOLA – Svolge supplenze per 707 giorni, lo Stato non gli paga la retribuzione individuale accessoria: il Tribunale di Firenze restituisce alla docente 3.867 euro più interessi

 48 total views

Continua l’opera di restituzione ai docenti della retribuzione professionale docenti precari: la somma, pari a 174.50 euro al mese, negata a tutti gli insegnanti precari (come pure la Cia al personale Ata), viene sistematicamente negata dallo Stato, ma da qualche tempo ci pensano i giudici a mettere le cose a posto, almeno su questo versante, indennizzando tanti precari già penalizzati da buste paga ridotte perché private degli scatti automatici invece accordati ai colleghi di ruolo. Negli ultimi mesi sono innumerevoli le sentenze che hanno accordato la restituzione dei 174,50 euro al mese, per mancata assegnazione della cosiddetta Rpd: si era espresso favorevolmente a febbraio il tribunale di Forlì, poi  quello di Modena, quindi di Catania, in primavera abbiamo avuto la sentenza favorevole di Paola. E ancora, nella provincia di Cosenza, dove una maestra ha recuperato quasi 2mila euro più interessi e un’altra quasi 2.900 euro, poi a Verona, dove il giudice del lavoro ha accordato 1.200 euro per un solo anno di supplenza annuale svolto.

Stavolta a fare giustizia è stato il Tribunale ordinario di Firenze, che ha detto si al diritto di una docente per la “percezione della retribuzione professionale docenti, prevista dall’art. 7 del CCNI del 31.08.1999, in relazione al servizio prestato in forza dei contratti a tempo determinato stipulati con il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, ora Ministero dell’Istruzione” tra il 2014 e il 2017, condannando lo stesso Ministero, si legge nella sentenza, al pagamento delle relative differenze retributive, in ragione dei giorni di lavoro effettivamente svolti, quantificabili al momento del deposito del ricorso, in € 3.867,29 oltre interessi legali dalle singole scadenze al saldo. Con vittoria di spese e competenze del presente giudizio, da distrarre in favore dei sottoscritti procuratori che dichiarano di aver anticipato le prime e non riscosso le seconde”.

Secondo Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief, “queste sentenze ci dicono che il diritto alla riscossione di RPD e CIA mensili è illegittimo e discriminante: negli ultimi due anni scolastici a fare le spese di questa norma ingiusta sono stati anche decine di migliaia di supplenti “Covid”. Come lo sono i tanti immessi in ruolo dopo uno o più anni di supplenze, che hanno percepito tanti stipendi ridotti. Li invitiamo a verificare ognuno la propria posizione, utilizzando il calcolatore online messo a disposizione gratuitamente da Anief: in tal modo potranno accertare se vi sono o meno i presupposti per avviare i ricorsi in Tribunale con il patrocinio dello stesso sindacato a condizioni economiche vantaggiose”.

LA SENTENZA DEL TRIBUNALE ORDINARIO DI FIRENZE

La docente aveva svolto supplenze brevi e saltuarie negli anni scolastici 2014/2015, 2015/20016 e 2016/2017, nello specifico per complessivi giorni 707 (187 nell’a.s. 2014/2015; 249 nell’a.s. 2015/2016 e 271 nell’a.s. 2016/2017) e “si doleva di non aver percepito per tali periodi la cd. retribuzione professionale docenti (pari ad € 164,00 lordi mensili fino a febbraio 2018 e ad € 174,50 lordi mensili da marzo 2018), corrisposta dal Ministero convenuto solo ai docenti di ruolo ed a quelli con contratti a tempo determinato di durata annuale (con scadenza al 31 agosto o al 30 giugno); censurava il carattere discriminatorio di tale condotta datoriale, rilevando che la propria attività lavorativa nel corso di tali supplenze non si era differenziata da quella svolta dai docenti di ruolo (e da quelli con contratti a termine annuali), presentando i medesimi oneri ed il medesimo grado di responsabilità e di qualità”.

Il giudice, dopo avere valutato “il principio di non discriminazione rispetto ai lavoratori assunti a tempo indeterminato, in applicazione della clausola 4 dell’Accordo Quadro sul lavoro a tempo determinato 18.3.1999 allegato alla Direttiva 1999/70/CE” e che la Suprema Corte ha già avuto modo di precisare che tale emolumento “ha natura fissa e continuativa e non è collegato a particolari modalità di svolgimento della prestazione del personale docente ed educativo”, e che quindi “gli assunti a tempo determinato non possono essere trattati in modo meno favorevole dei lavoratori a tempo indeterminato, a meno che non sussistano ragioni oggettive (Cass., 1773/2017, Cass., 20015/2018, Cass., 6293/2020, Cass., 6435/2020)”, ha concluso che “la ricorrente ha diritto alla erogazione della RPD, al pari dei docenti a tempo indeterminato e dei docenti a tempo determinato su posto vacante e disponibile per l’intera durata dell’anno scolastico o al termine delle attività didattiche”.

“Pertanto – si legge ancora nella sentenza, emessa il 15 settembre scorso – la medesima ricorrente ha diritto al pagamento delle relative differenze retributive, in rapporto ai giorni di lavoro effettivamente svolti; non ha pregio l’eccezione di prescrizione tempestivamente eccepita dal Ministero (sull’operatività di suddetta prescrizione anche nel caso di specie, vd. da ultimo Cass., 10219/2020), in quanto i crediiti sono maturati entro 5 anni dalla data di notifica dell’atto di diffida del 10.12.2018 in atti (doc. 8 fasc. ric.). Stante la mancata contestazione sul quantum (se non in ragione della eccepita prescrizione), spetta alla ricorrente la somma di € 3.867,29, al cui pagamento deve essere condannato il Ministero resistente. Le spese di lite seguono la soccombenza e sono liquidate come da dispositivo, con distrazione in favore dei procuratori di parte ricorrente dichiaratisi antistatari”.

PER APPROFONDIMENTI:

Gli stipendi dei docenti più bassi di quelli di un operaio specializzato, Pacifico (Anief): servono 350 euro di aumento, più altri 100 euro per recuperare l’inflazione

Rinnovo del contratto senza risorse aggiuntive, il Patto per la scuola di Palazzo Chigi è diventato carta straccia? Anief chiede risposte

Eurydice dice che gli stipendi dei docenti italiani sono fermi da 5 anni, Anief: basta indugi, servono 300 euro netti a dipendente

A docenti e Ata gli stipendi più bassi della PA, lo conferma l’Aran: più laureati di tutti ma 6mila euro in meno l’anno rispetto alla media. Anief chiede risorse

Stipendi da fame, ai docenti delle superiori 250mila euro in meno negli ultimi anni di carriera

Stipendi fermi anche per colpa delle supplenze che li bloccano, Anief propone il Calcolatore: in due minuti fa una stima di quanti soldi lo Stato ha negato e che ora si possono recuperare

Stipendi, Anief attiva il calcolatore rapido per verificare le differenze retributive spettanti

Ai precari negati scatti stipendiali, mensilità estive e carriera: arriva il Calcolatore Anief che stima il credito avanzato

A ogni precario lo Stato deve tra i 1.000 e i 40.000 euro per mancata considerazione di una parte delle supplenze e della ricostruzione carriera

Fino a decine di migliaia di euro sottratti ad ogni precario, Anief presenta il Calcolatore che dice quanti sono

Precari, malpagati pure da immessi in ruolo: il giudice gli riconosce migliaia di euro di arretrati e fa scattare lo stipendio maggiore

Ogni mese agli insegnanti e Ata precari negati fino a 257 euro, il Tribunale del Lavoro di Mantova dice che non si può fare

Ai docenti supplenti va assegnato lo stesso stipendio dei colleghi di ruolo, a Crotone il giudice dà ragione al sindacato: interessati in 300mila

Stipendi, assegnare la Retribuzione professionale docenti anche ai precari, nuova sentenza a Forlì: il supplente ha diritto a circa mille euro l’anno di arretrati, pure gli Ata e il personale “Covid”

Supplenti con stipendio ridotto, anche a Modena il giudice del lavoro risarcisce per RPD e CIA negati

Supplenti, le ferie non godute vanno pagate: lo dice il Tribunale di Como

Pagare ai supplenti i giorni di ferie non utilizzati, il giudice ordinario di Parma non transige

Precari con stipendio “accorciato”, a Reggio Emilia il giudice restituisce il maltolto alla docente che recupera 164 euro al mese

Anche il personale Ata può chiedere il riconoscimento di tutto il servizio pre-ruolo, a Modena il giudice indennizza un’amministrativa con 2mila euro e la colloca su scaglione superiore

Docente assunta nel 2010 chiede la valutazione completa del servizio pre-ruolo: il Tribunale di Sassari gli dà ragione risarcendola con oltre 4.200 euro più interessi e facendola salire di livello

Collaboratrice scolastica con 10 anni di pre-ruolo, il giudice glieli fa valere tutti ai fini della carriera: ottiene il risarcimento e lo stipendio maggiorato perché collocata in un “gradone” più alto

Maestra siciliana diventa docente alle superiori ma perde il servizio svolto nella scuola dell’infanzia, il tribunale glielo fa riconoscere tutto con risarcimento e stipendio più alto

Sbagliato cancellare il “gradone” 0-3 anni a tutti i docenti che hanno svolto supplenze fino al 2010: una docente veneta fa ricorso e recupera lo scatto stipendiale più 3mila euro di indennizzo

A Lucca il giudice conferma la validità di tutti i servizi pre-ruolo ai fini della carriera: una docente delle superiori recupera migliaia di euro e lo stipendio maggiore grazie allo “scatto”

I supplenti su “spezzone” vanno pagati fino al 31 agosto se su posto vacante, lo dice la Cassazione: Anief vince ricorso e fa recuperare ad una docente gli stipendi di luglio e agosto

Se il docente precario cambia graduatoria il punteggio delle supplenze non può essere decurtato, a Venezia il giudice restituisce 22 e 11 punti a un Insegnante tecnico pratico

Docente precaria per 15 anni si vede riconoscere solo una parte delle supplenze, il giudice di Firenze la indennizza con 2mila euro, le riconosce lo “scatto” del terzo anno e uno stipendio più alto

Stipendi, per i precari ancora più piccoli: a Catania il giudice del Lavoro restituisce 1.700 euro ad una docente per mancata assegnazione della Rpd

Gli stipendi dei docenti privati di 174,50 euro al mese: per il giudice del lavoro di Paola il ricorso è “sicuramente fondato” e li restituisce tutto alla maestra che ha chiesto giustizia

Supplenti senza Rpd, i giudici continuano a dare ragione all’Anief: restituiti quasi 2mila euro più interessi ad una maestra della primaria

Docenti precari senza i 174 euro al mese di Rpd, vale la pena chiedere la restituzione anche per un solo anno di supplenza: il giudice di Verona restituisce a un docente 1.200 euro più interessi

Precari con stipendi ridotti, anche a Cosenza il giudice fa avere i 174,50 euro per ogni mese di supplenza. Esulta Anief: non si contano più le sentenze favorevoli dei tribunali del lavoro