I docenti di tutta Italia non nominati al primo turno di convocazioni contestano il funzionamento dell’algoritmo, che crea ingiustizie per l’intera categoria e un sistema di reclutamento non trasparente, per le motivazioni di seguito elencate:

  • non si può essere considerati “rinunciatari ” per un’intera cdc solo per non aver indicato tra le “preferenze ” una scuola di cui nn si conosceva l’esistenza a causa del ritardo da parte degli USP della pubblicazione delle disponibilità reale e totale di cattedre
  • essere considerati rinunciatari comporta l’espressione della volontà del soggetto sulla singola scuola e non può essere riferito ad un’intera cdc. È una interpretazione che lede i diritti di espressione del soggetto interessato
  • non si possono convocare docenti su una scuola per il ruolo e su un’altra per Quest’errore penalizza il collega che risulta al momento della correzione dell’errore ormai superato dell’algoritmo e, lo sappiamo che questo sistema intelligente “non torna indietro”
  • non si possono lasciare a casa docenti specializzati su sostegno per non aver inserito tutte le tipologie di contratto possibili (fino al termine delle attività didattiche, annuale, spezzone) ed interrompere per questo il diritto alla continuità sia degli alunni con disabilità che dei docenti specializzati!!!

L”iter per un sistema di reclutamento trasparente dovrebbe seguire l’ordine inverso rispetto a quello attuale

  • pubblicazione delle disponibilità totali sul sito dell’USP
  • presentazione dell’istanza delle 150 preferenze (basteranno? ….)
  • unico turno di convocazioni per tutti i 7/8/9 turnazioni ledono moralmente ed economicamente i docenti convocati in ritardo..

GRUPPO COLLETTIVO DOCENTI

Autore

6 pensiero su “Lettera alla redazione: “I peccati dell’Algoritmo””
  1. Non si può essere considerati rinunciatarii perché il provveditorato, oberato di lavoro, non riesce a caricare per tempo le cattedre disponibili, cattedre richieste dalle scuole molto prima del 31 agosto ( data in cui sono state pubblicate le nomine a Genova)..
    Non si può sentire questa cosa

  2. Dopo oltre venti anni che insegno con grande passione mi sento sconfitta da un algoritmo che mi esclude dalle nomine. BASTA CON LE INGIUSTIZIE!!!

  3. Dopo 12 anni di supplenza su posto vacante sarò disoccupata perché la compilazione delle domande gps (compresa la scelta della provincia) è stata fatta al buio senza sapere le disponibilità di posti. Quando si cerca lavoro si fa domanda ove si ha disponibilità e non al buio. Algoritmo assolutamente ingiusto per chi ha tanti punti, le convocazioni vanno effettuate in presenza dando al candidato tutte le opzioni disponibili quando è il suo turno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.