Lettera alla redazione del Coordinamento docenti straordinario bis 2022

Lettera alla redazione del Coordinamento docenti straordinario bis 2022

 632 total views

Riceviamo e pubblichiamo

 

 

Ill.ma  redazione

A scrivere è un numeroso gruppo di docenti precari iscritti al concorso straordinario bis per diverse classi di concorso.

Abbiamo preso atto del regolamento concorsuale, partendo dalla tassa di segreteria di ben 128 € e dal fatto di dover acquisire i CFU mancanti ai fini di una completa formazione prima del ruolo o dell’abilitazione.

Scriviamo per chiedere di sorteggiare la TRACCIA 24 ore prima della prova orale, come è stato per tutti i precedenti concorsi, in modo da poter elaborare una UDA o una lezione simulata. Allo stato attuale non vi è certezza sulla tipologia di traccia prevista: il bando parla di prova disciplinare orale, ma i quadri di valutazione fanno riferimento alle griglie dell’ordinario che prevedono la realizzazione di una progettazione didattica.

L’incertezza sulle modalità di espletamento della prova è un fattore che influenza negativamente lo studio che dovrà comunque essere concentrato su tempi molto brevi.

Inoltre, chiediamo, come per i nostri colleghi del concorso ordinario:

– L’istituzione di una graduatoria di merito, in cui siano inclusi tutti i partecipanti, da cui attingere anche negli anni futuri per le immissioni in ruolo a coprire cattedre vacanti, che già stiamo  occupando come precari;

– La possibilità, per tutti gli iscritti al concorso, di poter procedere all’iscrizione al corso abilitante;

Queste nostre richieste nascono dal fatto che, al momento, invece, si è creata una disparità di trattamento tra cittadini che per alcune classi di concorso e in alcune regioni sono già di fatto inclusi nel percorso di formazione a prescindere dell’orale considerato il fatto che il numero dei partecipanti al concorso sono in numero inferiore rispetto ai posti disponibili.

Noi precari, che da anni portiamo avanti la scuola, non possiamo fare altro che appellarci a Voi, al Vostro essere docenti e formatori, per cui consci di tutte le difficoltà che il mondo della scuola vive da decenni.

Il buon senso ci spinge oggi a chiedere l’abilitazione attraverso l’acquisizione di CFU e l’inserimento nelle graduatorie di merito per tutti coloro i quali supereranno il concorso straordinario.

Lo chiede la nostra Costituzione, i nostri diritti.

Con stima

Coordinamento docenti straordinario bis 2022