Scuola, Educazione civica: “Il CNDDU, ci auguriamo un maggiore coinvolgimento dei docenti della classe di concorso A-46 nella rimodulazione didattica della materia”

Scuola, Educazione civica: “Il CNDDU, ci auguriamo un maggiore coinvolgimento dei docenti della classe di concorso A-46 nella rimodulazione didattica della materia”

 214 total views

Il Coordinamento Nazionale Docenti della disciplina dei Diritti Umani, in merito all’insediamento presso il Ministero dell’Istruzione del gruppo di esperti del Comitato tecnico-scientifico incaricati di accompagnare l’attuazione della legge n. 92 del 2019, che ha introdotto l’insegnamento scolastico dell’Educazione civica, dalla scuola dell’infanzia e per tutti i cicli di istruzione, ritiene, come già ribadito in diverse occasioni, che attualmente i percorsi di Educazione civica nelle scuole siano inadeguati rispetto alle esigenze complesse della nostra società, in quanto strutturati senza coinvolgere in modo sistematico e puntuale i docenti più qualificati per l’insegnamento della disciplina, cioè gli appartenenti alla classe di concorso A046 – discipline giuridiche ed economiche.

Duole ricordare che l’istituzione della disciplina in questione per quanto sia una priorità per la formazione delle giovani generazioni, è stata realizzata con scarsa considerazione per l’efficacia dei contenuti proposti ma con eccessiva attenzione invece per i costi che avrebbe potuto comportare una scelta diversa e più lungimirante.

Da qui una discutibile applicazione dei percorsi didattici nel sistema d’istruzione che tuttora penalizza gli studenti. Ci auguriamo un maggiore coinvolgimento dei docenti della classe di concorso A-46 nella rimodulazione didattica della materia, anche per rimediare ai guasti determinati dalle varie riforme degli ultimi anni. Il CNDDU manifesta la propria disponibilità a confrontarsi sulle tematiche in oggetto.

prof. Romano Pesavento

presidente CNDDU