C.d.c. A046 Diritto ed Economia al biennio: “Una proposta concreta che risponde all’esigenza di formare cittadini consapevoli”

C.d.c. A046 Diritto ed Economia al biennio: “Una proposta concreta che risponde all’esigenza di formare cittadini consapevoli”

Dicembre 10, 2021 0 Di Ylenia Franco

 121 total views

La Voce della Scuola LIVE – 50esima puntata

C.d.c. A046 Diritto ed Economia al biennio: “Una proposta concreta che risponde all’esigenza di formare cittadini consapevoli”

Sgambato: “Occorre un atto di coraggio: affrontiamo la riforma dei cicli”
“Ero in commissione quando fu approvata la legge 107 – dichiara la prof. Camilla Sgambato, Direzione Nazionale PD- e anche allora ci ponemmo questo problema. Noi stiamo lavorando per portare al voto i ragazzi di 16 anni, quindi questi ragazzi dovranno essere formati alle discipline giuridiche economiche ma anche ad una consapevolezza dell’essere cittadino, della legalità insomma ai temi più attuali. Bisogna analizzare insieme, mettendo al centro con coraggio una riforma dei cicli. Mi chiedo: è sufficiente aumentare le ore aggiungendo una disciplina? Il problema con la L. 107 venne accantonato per motivi economici ma anche perché o c’è un aumento delle ore (e questo sembra una cosa difficile da accettare per gli studenti delle superiori) oppure bisogna togliere ora a qualche altra disciplina, quale dovrà essere sacrificata? Bisognerebbe avere il coraggio di affrontare la riforma dei cicli che venne ‘quasi’ introdotta dalla riforma Berlinguer nel 1996. La legge non fu approvata perché la successiva maggioranza, con il Ministro Moratti, la abrogò. L’attenzione verso questa disciplina rientra in un quadro organico più ampio. I tanti docenti in esubero della A046 che vengono utilizzati spesso per le supplenze potrebbero essere utilizzati invece per il potenziamento organizzato. Anch’io nella scuola dove insegno sono un insegnante di Educazione Civica a capo di un progetto di 5 ore di potenziamento che riguarda la legalità. In questa sede, propongo di attivare un tavolo con tutte le forze politiche per arrivare alla meta con una riforma complessiva dei saperi e degli obiettivi.