I vertici dell’APIDGE, incontrano il Sottosegretario di Stato dell’Istruzione Rossano Sasso

I vertici dell’APIDGE, incontrano il Sottosegretario di Stato dell’Istruzione Rossano Sasso

Novembre 26, 2021 0 Di Doriana D'Elia

 58 total views

Incontro tra il Sottosegretario di Stato dell’Istruzione, Rossano Sasso, e i vertici dell’APIDGE: al vaglio le discipline Giuridiche ed Economiche nella secondaria di secondo grado. La cosiddetta A046 risulta da sempre la classe di concorso con maggiore criticità a causa del ridimensionamento degli organici a seguito della Riforma della Scuola nel 2009. Una disciplina rivalutata in forma trasversale da indicazioni ministeriali successive con l’incarnamento dell’Educazione Civica senza però ripristinare il curricolo specifico di Diritto ed Economia. L’incontro tenutosi in viale Trastevere tra una delegazione dell’Associazione Professionale Insegnanti di Scienze Giuridiche ed Economia, APIDGE, e il Sottosegretario Sasso fa ben sperare in una rivalutazione di tale classe di concorso.

“La proposta di APIDGE dell’introduzione dello studio del Diritto nel primo biennio di tutte le Scuole Secondarie di Secondo grado ha trovato una significativa accoglienza e l’Ufficio Studi di APIDGE è da subito impegnato a formulare una proposta di riordino dei curricoli, da valutare su tavoli comuni- dichiara il Presidente Nazionale APIDGE, Ezio Sina, nella nota pubblica del 25 novembre-. Questa soluzione, che allargherebbe lo studio del Diritto e dell’Economia Politica in tutti i Licei, potrebbe infatti rappresentare la strada maestra per risolvere definitivamente la situazione stagnante in cui si trovano gran parte dei cosiddetti “precari storici”, più di 8.000 quelli abilitati nelle Scienze giuridiche ed economiche, che troverebbe opportuno sfogo nella realizzazione delle due proposte”.

Non è solo la collocazione del personale scolastico precario a trarre beneficio qualora le proposte siano accolte ma anche la ricollocazione del personale in esubero e dei docenti che chiedono mobilità territoriale, i cosiddetti docenti immobilizzati, che ne usufruirebbero adducendo un miglioramento della propria posizione lavorativa in sedi che consentano il ricongiungimento familiare. La criticità della classe di concorso in oggetto è stata dettata da una condizione di esubero nazionale vigente fino all’anno scolastico 2020/2021, che ha impedito sia i passaggi di ruolo verso la cdc A046 che le assunzioni a causa dell’assorbimento completo dei posti per la ricollocazione dei docenti in esubero.

Ricordiamo che i trasferimenti provinciali si dispongono sul 100% delle disponibilità mentre i trasferimenti interprovinciali e la mobilità professionale, sia provinciale che interprovinciale, si dispongono su precise aliquote stabilite nel contratto sulla mobilità. Hanno fatto eccezione negli scorsi anni, per quanto riguarda l’applicazione delle aliquote indicate nel CCNI, i movimenti che interessano le classi di concorso in esubero nazionale, cioè A046 – Scienze Giuridico ed Economiche. La presentazione della domanda da parte dei docenti interessati ad un passaggio di cattedra/ruolo veniva infatti bloccata dal sistema con l’avviso “la domanda non può essere inoltrata per esubero nazionale”. Per le classi di concorso in esubero nazionale negli anni scorsi non è stata garantita la possibilità di disporre una parte dei movimenti che rientrano nella III fase, precisamente la mobilità professionale, quindi passaggi di cattedra e passaggi di ruolo.

E’ stato infatti previsto che, per le classi di concorso in esubero nazionale il 100% delle disponibilità residue dopo i trasferimenti provinciali venisse destinato alla mobilità territoriale, fino all’assorbimento dell’esubero. In questo caso quindi non è stato applicata alcuna aliquota. Il primo anno che ha visto la fuoriuscita dalla situazione di esubero delle discipline delle Scienze Giuridiche ed Economiche è l’anno scolastico in corso: 2021/2022, con il ripristino della fase di mobilità professionale ed assunzioni. Il riordino del curricolo delle discipline Giuridiche ed Economiche, così come prospettato da APIDGE, è una prerogativa viva anche in altre associazioni come il Coordinamento Nazionale dei Docenti della disciplina dei Diritti Umani, CNDDU, e il Coordinamento Nazionale Docenti Immobilizzati, CNDI, per la mobilità territoriale.