Lettera alla redazione, della portavoce del gruppo ABILITAZIONE SUBITO

Lettera alla redazione, della portavoce del gruppo ABILITAZIONE SUBITO

 74 total views

La notizia dell’abilitazione per i vincitori dello straordinario 2020 è arrivata ieri nel pomeriggio mentre seguivamo le varie riunioni online organizzate dai sindacati. Il gruppo “abilitazione subito è nato 15 giorni fa’ con l’intento di ottenere l’abilitazione all’insegnamento, dopo il superamento di una prova scritta altamente selettiva, svolta tra l’altro in piena pandemia.
Nel giro di pochi giorni, con il passaparola e grazie ad una campagna di sensibilizzazione condotta sui social, il gruppo “abilitazione subito” è arrivato ad annoverare circa 1000 iscritti, insegnanti da tutta Italia che erano interessati al riconoscimento dell’abilitazione prima e disgiuntamente dall’entrata in ruolo. Infatti il gruppo raccoglie docenti già in ruolo presso altre cdc, docenti che hanno anche la specializzazione su sostegno e docenti che non entreranno nelle cattedre disponibili per il ruolo.

Per tutti era fondamentale acquisire l’abilitazione.

Ricordiamo che da 14 anni non venivano proposti percorsi abilitativi e inoltre che entro il 24 luglio si sarebbe chiusa la finestra utile per inserirsi nelle graduatorie di prima fascia, quelle cioè che annoverano i docenti abilitati. Il gruppo ha lavorato instancabilmente scrivendo mail a tutti i sindacati, agli esponenti politici di maggior rilievo e contattando il Miur. Sarebbe stato pronto a procedere con un ricorso collettivo con gli avvocati perché convinto dell’interpretazione corretta del decreto Sostegni bis che prevedeva appunto anche il valore abilitante del concorso straordinario, ma per fortuna, ieri, la notizia che tutti aspettavamo con ansia : grande festa quindi nel gruppo in cui dopo una prima fase di incredulità si è passati ad un cauto ottimismo e infine ad una incontenibile gioia. Ci siamo promessi che all’arrivo della attesa nota ministeriale che chiarirà definitivamente la nostra posizione, festeggeremo tutti e mille online con un brindisi.

Un ringraziamento a tutti i sindacati che hanno sostenuto la nostra causa e soprattutto a “La voce della Scuola LIVE” che ci ha seguito, consigliato e aiutato con impegno e determinazione. Ringraziamo anche il prof. Massimo Arcangeli Socio Onorario dell’associazione sopracitata, che in un articolo scritto su il Giornale ha esposto in maniera chiara la nostra paradossale situazione e non solo, parlando di scuola e di concorsi in generale.

Francesca Seri